Aziende e Blog, un investimento che rende

     Social Media Marketing      Claudio Gagliardini

Un blog è un ottimo strumento per supportare le esigenze di comunicazione e di marketing delle piccole e medie aziende. Forse addirittura il migliore. Ecco perché.

Aziende e Blog, un investimento che rende

Può sembrare strano, a distanza di anni, essere ancora qui a parlare di aziende e blog, ma il rientro dalle ferie è un po’ come un nuovo anno che inizia, e i buoni propositi per la nuova stagione lavorativa sono all’ordine del giorno. Quindi è bene, ancora una volta, riflettere sulle strategie di comunicazione e di marketing delle nostre aziende e in particolare di quelle medio piccole, perché un blog rappresenta certamente un costo e un investimento importante, ma è talmente scalabile da risultare alla portata di tutti.

E per tutti intendo dire anche, se non soprattutto, le piccole aziende a carattere locale, che fino a pochi anni fa vivevano di clientela fissa e di prossimità e che mai avrebbero immaginato, o quanto meno non con questa rapidità,  di essere catapultate in un mondo globalizzato e completamente diverso da quello che conoscevano.

Perché un blog, dunque? I motivi sono molti, ma è bene partire da quelli propedeutici, prima di arrivare a quelli legati strettamente al business:

  • tenere un blog allarga i confini dell’azienda e aiuta a guardare nuove strade e nuovi scenari;
  • tenere un blog crea relazioni e interazioni, arricchendo il patrimonio aziendali di opinioni e punti di vista diversi e importanti;
  • tenere un blog è un esercizio di programmazione, di lungimiranza e di costanza, doti che di certo non debbono mancare ad un buon imprenditore;
  • tenere un blog è un po’ come accudire un animale domestico, o curare un giardino o un orto, un grande impegno che offre in cambio enormi soddisfazioni.

Ma perché è così importante impegnarsi con un blog? Davvero non basta la fatica quotidiana di stare su un mercato sempre più difficile e meno remunerativo? Davvero un imprenditore (o qualcuno dei suoi collaboratori) dovrebbe trovare il tempo e l’ispirazione per scrivere qualcosa in rete? Il web è già pieno di blog e di contenuti,  non sarà certo un blog in più, a fare la differenza…

Perplessità comprensibili, ma se un’azienda vuole entrare in quest’epoca nuova, fatta di grandi problemi e complessità, ma anche di incredibili opportunità, il blog rappresenta un ottimo strumento di esercizio, esplorazione e applicazione quotidiana di un mondo che in pochi conoscono a sufficienza.

Si tratta inoltre di uno strumento estremamente versatile e adatto alle esigenze di ogni tipologia di azienda, perché consente di scalare da un piccolo “diario di bordo” per le aziende più piccole, ad una piattaforma di comunicazione completa e articolata per le aziende più strutturate.

I benefici concreti e tangibili di un blog sono molti:

  • in ottica SEO (Search Engine Optimization) è possibile dare forza alle chiavi più importanti per l’azienda ed espandere il bouquet di chiavi e di argomenti rispetto a quelli del sito, oltre che ottenere link e alimentare traffico verso prodotti e servizi presenti sul sito;
  • in ottica SEM (Search Engine Marketing) è possibile ampliare la gamma dei contenuti da proporre ai motori, cercando altre nicchie di visibilità e di posizionamento;
  • in ottica SOCIAL MEDIA MARKETING è possibile creare contenuti di qualità, che migliorino il coinvolgimento, l’autorevolezza del brand e l’interazione con gli utenti;
  • in ottica BRAND AWARENESS, il blog è un vero e proprio “ambasciatore” dell’azienda, in grado di ottenere risultati inimmaginabili, rispetto a qualunque altro mezzo o strategia.

Sono molti i risultati che possono essere ottenuti attraverso un blog, ma non si deve credere che essi esulino dalla necessità di mettere in campo una strategia integrata, che faccia sistema e metta in sinergia tutti gli strumenti del nostro marketing.

Un blog è un ottimo punto di partenza, ma non si può definire un traguardo e non si può pensare che esso rappresenti l’unica piattaforma su cui lavorare. Di certo può diventare, e spesso lo è, la più importante, quella centrale su cui fare perno.

Ecco perché è fondamentale che le aziende facciano un passo verso questa forma di comunicazione, esplorando i suoi stili e imparando a utilizzare i suoi differenti linguaggi e modalità di espressione. Perché ogni volta che un’azienda pubblica un articolo (post) sul proprio blog, di fatto pianta un seme in un campo arato e fecondo.

Quel seme, destinato a portare frutti nel tempo, è l’inizio di un nuovo dialogo, di nuove relazioni e di nuove opportunità da coltivare ogni giorno. Perché un blog è come un orto ben assortito, che non risente più di tanto delle stagioni e del tempo, ma che rende tanto più è curato, per piccolo o grande che sia e senza altra regola se non quella di crederci, di investirci tempo e risorse e di portargli acqua attraverso i canali irrigui dei social network e dell’email marketing.

È bene ricordare, inoltre, che un blog è un ottimo canale per portare la strategia di comunicazione e di relazione di un’azienda su tematiche di interesse comune, di attualità e di grande appeal. Non si tratta di sciacallare su temi di grande riscontro ma del tutto al di fuori dalle tematiche aziendali, ma di imparare a declinare la filosofia e il senso del nostro business su temi e scenari più ampi, senza incorrere in inopportune manifestazioni di protagonismo e senza temere di essere ogni volta fuori luogo o fuori target.

Si tratta di un lavoro molto più concettuale e complesso di quanto non possa sembrare, ma l’ampia offerta di servizi di consulenza, formazione e affiancamento offerti dal mercato, trovano la loro ragione proprio in queste complessità e nella rapidità dei cambiamenti di un mercato sempre più articolato e difficile da interpretare.

Il lavoro di una struttura come seidigitale.com è proprio questo: approntare gli strumenti (piattaforme, software, app), formare le aziende al loro utilizzo (anche in relazione alle piattaforme terze e ai canali sociali) e incastonare queste gemme in un gioiello fatto di strategia e di metodo. È su questo che ci piace confrontarci con i nostri clienti ed è per questo che esistiamo.

Benvenuti sul nostro blog e grazie per il tempo che ci dedicate.

Articoli correlati:

  1. Newsjacking e aziende, tra luci e ombre
  2. Blogger, influencer e affini vs aziende: chi ha ragione?
  3. Periscope per aziende e professionisti
  4. Live storytelling: l'arte di narrare emozioni
  5. Gli haters su internet: come sconfiggerli