Google Spotlight Stories, cinema tascabile a 360°

     Nuove tecnologie      Andrea Tadioli

La nostra vita sarà sempre più mobile: gli smartphone ora si trasformano in veri e propri schermi tridimensionali, in cui interagire nel film. Google? Presente!

Google Spotlight Stories, cinema tascabile a 360°

Si chiama "Spotlight Stories", la nuova applicazione Google interattiva. Anche se, è giusto dirlo, il progetto nasce inizialmente con il nome di "Spotlight Player", portando la firma di Motorola.

Narrazione immersiva

Ancora una volta il mobile, sempre più ricco di contenuti, di intrattenimenti e svago. Questa volta parliamo di narrazione immersiva, in cui si viene pilotati dentro una storia, come se fossimo al cinema ma sul nostro telefonino. E c'è molto di più. La sensazione è quella di essere sempre più protagonisti, non più incollati a guardare il (grande) schermo, ma chiamati ad interagire, muovendo il proprio smartphone come se volessimo seguire i protagonisti, la location, e tutti gli elementi che compaiono nella storia. Un video-raccontato dove il telefono è un po’ come se fosse la cinepresa sul set del film: ovunque la muovi, sopra sotto, destra e sinistra, inquadri qualcosa di diverso, e che si muove davanti ai propri occhi.
Riguardare la storia ogni volta che si vuole, per seguire i personaggi, prima uno e poi l’altro, osservare la scenografie, è sempre un’esperienza nuova.

Tutto questo è possibile grazie ad un mix di ingredienti chiave, come l'animazione 2D e 3D, i video sferici a 360°, l’audio SoundSphere sempre più coinvolgente, insomma, sempre tutto molto più reale.
Quello che rende sempre affascinante questo mondo è la sempre più vicinanza alla realtà, attraverso la tecnologia, come avviene per la realtà aumentata: i dispositivi sono dei veicoli che ci portano nello stesso mondo in cui viviamo, sotto nuovi punti di vista.

Google Cardboard

Google Spotlight Stories abbinato ai Google Cardboard (i famosi “occhiali di cartone”) sono un’accoppiata vincente, perchè portano la realtà virtuale sullo smartphone. Esistono vere e proprie applicazioni per Google CardBoard, in cui interagire con i pulsanti del proprio telefono: oltre a Spotlight Stories, la realtà virtuale arriva anche sulle mappe di Google con Street View. È anche possibile creare contenuti per la realtà virtuale, grazie alla tecnologia JUMP di cui possono essere dotati i dispositivi: videocamere dotate di molti obiettivi montate su una struttura circolare possono realizzare video a 360°. Probabilmente sarà più semplice realizzare contenuti per i visori di realtà virtuale, grazie al Cardboard Design Lab.

Storie disponibili per Google Spotlight

Google Spotlight Stories si presenta oggi con un'app (dal peso di circa 20 MByte, anche meno) in cui è possibile scaricare a sua volta 4 storie interattive.

HELP, diretto da Justin Lin

È la prima Spotlight Story in live action, in cui si viene catapultati nel centro di Los Angeles dove un'improvvisa pioggia meteorica ha lasciato una tracca profonda per le strade di Chinatown. Quello che accade dopo, crea il panico per le vie della città e una donna giovane lotta per fuggire...

DUET, diretto da Glen Kean

Non la classica storia d’amore, ma qualcosa di più originale ed autentico in qui si racchiudono un ragazzo, una ragazza e tu. Un gioco di animazione di linee, colori, musica con quell’effetto cartone animato davvero coinvolgente.

BUGGY NIGHT, diretto da Mark Oftedal

Siamo nella foresta di Windy Day, un gruppo di insetti canterini nottambuli viene disturbato dalla luce di una torcia (tu, con il tuo telefonino) e da una rana molto affamata. Il finale è inaspettato.

WINDY DAY, diretto da Jan Pinkava

In questa storia i protagonisti sono un topo, un cappello, e il vento. L’esperienza dell’immersione a 360° è davvero notevole; in questo racconto si percepisce più che mai questa nuova forma di narrazione.

Lo scenario è davvero innovativo, e promette bene. Oltre al “semplice” divertimento, i campi di utilizzo di questa tecnologia apportata sugli smartphone possono essere molteplici: si pensi alle scuole e a tutto l’ambiente educativo, al settore medicale e molto altri.

Non da ultimo, la possibilità di diventare dei stories-maker e vedere un giorno, perché no, la propria storia sullo smartphone. Sono disponibili infatti gli SDK per creare la propria storia.

Google Spotlight Stories per Android - Google Spotlight Stories per iOS

Cinema per Cardboard su Google Play - Google Carboard per iOS

 

Articoli correlati:

  1. FAME! Ad Expo 2015 il 4K parla di agricoltura
  2. Stampa 3D: quali prospettive per il futuro?
  3. Interfacce Neurali: nuova frontiera della tecnologia?
  4. Tecnologie del futuro, viaggio nel mondo che cambia
  5. Le macchine sono progettate per fornire risposte, gli uomini per porre domande